Una buona igiene orale parte da casa

  • By Bianca Emanuela Anna
  • 05 May, 2017
Donna si lava i denti

Lavarsi i denti è un'operazione meccanica, che facciamo quotidianamente dai tempi dell'infanzia. Ma sei sicuro di farlo bene?

Esiste, infatti, una tecnica precisa per pulire a fondo denti e lingua, in modo da prevenire l'accumulo di placca, l'insorgenza di tartaro e disturbi più severi, come gengiviti o addirittura parodontiti. Scopriamo insieme come, quando e con quali strumenti pulire i denti, in modo da conquistare un sorriso impeccabile e ridurre le visite dal dentista ai controlli di routine.

Gli strumenti per una corretta pulizia

Nel tuo bagno non dovrebbero mai mancare tre strumenti: spazzolino, meglio se a setole morbide e con punta arrotondata; filo interdentale, per pulire gli interstizi tra i denti e assicurarsi che non vi si accumulino avanzi di cibo e batteri; e un buon dentifricio, contenente fluoro per prevenire l'insorgenza di carie. L'utilizzo di un collutorio può essere utile: chiedi al tuo dentista quale utilizzare. Lo spazzolino va cambiato frequentemente, almeno ogni due mesi, o quando vedi che le setole sono rovinate.

Quando e quanto lavarsi i denti?

È buona norma lavarsi i denti dopo ogni pasto, con particolare cura la mattina e la sera. Ricordati di accompagnare il lavaggio con lo spazzolino a un'accurata igiene con il filo interdentale, in modo da pulire tutta la bocca in modo corretto.

Come lavarsi i denti?

Spesso, per abitudine o fretta, ci laviamo i denti con un movimento orizzontale, trascurando la parte interna delle arcate dentali e i denti più lontani. Niente di più sbagliato: il movimento orizzontale non solo irrita le gengive, causando nei peggiori dei casi recessioni e erosioni del colletto, ma favorisce anche lo spostamento della placca negli interstizi, causa di carie.

Al contrario, i denti vanno puliti con un movimento perpendicolare che parte dalla gengiva e va verso la punta del dente e non viceversa. In questo modo lo spazzolino può penetrare bene tra gli interstizi e non va a irritare la gengiva, rimuovendo la placca con un movimento laterale. Presta particolare attenzione ai denti posteriori: ti consigliamo di spazzolare il dente da dietro verso il davanti, avendo cura di non irritare la gengiva.

E non dimenticare di pulire la lingua!

Chiedi consiglio al tuo dentista, per un sorriso smagliante da sfoggiare con orgoglio ogni giorno.
By Bianca Emanuela Anna 05 May, 2017

Lavarsi i denti è un'operazione meccanica, che facciamo quotidianamente dai tempi dell'infanzia. Ma sei sicuro di farlo bene?

Esiste, infatti, una tecnica precisa per pulire a fondo denti e lingua, in modo da prevenire l'accumulo di placca, l'insorgenza di tartaro e disturbi più severi, come gengiviti o addirittura parodontiti. Scopriamo insieme come, quando e con quali strumenti pulire i denti, in modo da conquistare un sorriso impeccabile e ridurre le visite dal dentista ai controlli di routine.
By Bianca Emanuela Anna 14 Apr, 2017
Nell'immaginario comune dei bambini, il dentista è una figura da temere, associata a dolore e sgradevoli operazioni. Nulla di più falso! Il dentista, infatti, è un grande amico di giovani e piccini, un alleato prezioso per imparare a prendersi cura della propria bocca e prevenire così fastidiosi disturbi. La visita odontoiatrica è un momento importante: il primo approccio con il dentista è l'occasione per imparare tante cose e capire che l'igiene orale non dev'essere necessariamente una forzatura, ma anche e soprattutto un piacere e, perché no, anche un gioco.
By Bianca Emanuela Anna 29 Mar, 2017
In passato i pazienti edentuli, ovvero le persone che soffrono di mancanza totale di denti, ricorrevano all'utilizzo di dentiere mobili. Queste protesi, però, possono creare diversi problemi: non solo dolore, ma anche difficoltà nella masticazione, instabilità e, a volte, il riassorbimento della gengiva. L'implantologia dentale ha permesso di fare passi da gigante nel settore delle protesi dentali. L'intervento consiste nell'impiantare uno o più elementi esterni, che andranno a integrarsi con l'osso della mascella o della mandibola. Alcuni pazienti, in particolare quelli che non presentano un'ossatura sufficiente per eseguire l'impianto, richiedono un'accurata valutazione prima di eseguire l'intervento. Una volta valutati i rischi e i benefici con il dentista, è possibile richiedere un ulteriore trattamento all'avanguardia, che permette di risparmiare tempo e denaro garantendo allo stesso tempo risultati impeccabili: il cosiddetto trattamento All-On-4.
Share by: